October 13, 2017

WPC

 

Scarica ora WPC su Google Play

https://play.google.com/store/apps/details?id=it.smarted.wpc

Numerose patologie inerenti alla sfera cognitivo-comportamentale sono associate ad un disturbo pervasivo dell’utilizzo del linguaggio orale. Già da diversi anni i cosiddetti sistemi di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) aiutano le persone affette da tale disturbo a comunicare con gli altri. In questo contesto esistono due famiglie di tecnologie: gli Speech-Generating Devices (SGD s) e il Picture Exchange Communication System (PECS.). I primi sono dispositivi per la produzione vocale e sono anche chiamati Voice-output Communication Aids (VOCAs), possono essere programmati per riprodurre messaggi audio registrati o utilizzare sistemi di sintesi vocale. Di questa tecnologia assistiva esistono versioni semplici basate sui microswitches e complesse in grado di generare un infinito numero di messaggi tramite la tecnologia di sintesi vocale.  Il Picture Exchange Communication System (PECS) invece insegna a comunicare in maniera funzionale attraverso lo scambio di immagini stampate su delle carte che raffigurano oggetti (giocattoli, cibo, oggetti della vita quotidiana, ecc.); persone o azioni (mangiare, bere, uscire…).

Recentemente, grazie alla possibilità di usare i touch-screen dei tablet è stato possibile combinare la metodologia PECS con quella degli SGD s. Questi applicativi (APPS) consentono ad un paziente di selezionare sullo schermo del tablet le immagini che attraggano i suoi interessi (o bisogni) a cui il software fa seguire la produzione di un file sonoro – una  frase – che l’educatore o il genitore possono sentire. I PECS, gli SGD s e le loro combinazioni sono metodologie di sostegno alla comunicazione interpersonale ampiamente usate in tutto il mondo. Il loro diffuso utilizzo ne ha fatto però rilevare anche le criticità che di seguito sinteticamente elenchiamo:

  • un messaggio generato dagli SGDs per poter essere ascoltato dal partner comunicativo deve essere erogato ad un volume sufficientemente alto; questo effetto di inquinamento acustico ne limita l’utilizzo negli ambienti inclusivi (classe scolastica, gruppo di lavoro, ecc);
  • il partner comunicativo deve comunque trovarsi nelle immediate vicinanze (per esempio nella stessa stanza) per poter essere raggiunto dal messaggio vocale;
  • i sistemi più semplici (ovvero quelli basati su microswitches) sono fondamentalmente degli applicativi difficilmente modificabili da personale non esperto. In altre parole, aggiungere nuove immagini e nuove frasi è un’operazione che richiede delle abilità da programmatore informatico.

Ciò riduce la flessibilità e la personalizzazione estremamente necessarieper le persone con disabilità grave;

  • le recenti tecnologie che integrano PECS e SDGs e sfruttano i touch screen dei tablet superano alcune di queste limitazioni ma costringono la persona con disabilità grave a confrontarsi con delle abilità (manipolazione e comprensione di ambienti digitali) di difficile acquisizione.

La Smarted in associazione con la Walden Technology  hanno realizzato un primo prototipo, il Walden Personal Communicator (WPC), che ha l’obiettivo di rimediare alle limitazioni sommariamente sopra elencate. Il WPC permette alla persona con disabilità e gravi compromissioni del linguaggio verbale di utilizzare le tradizionali carte dei PECS e di inviare un messaggio visivo e testuale (sonoro e/o scritto) ad un caregiver (educatore, genitore, riabilitatore, ecc.) che può trovarsi anche relativamente distante dalla persona con disabilità (per esempio in un’altra stanza). Inoltre, il WPC è dotato di un sistema autore che permette facilmente di arricchire il repertorio di immagini e messaggi (sonori e visivi) ad esse associate.

In generale il funzionamento del WPC si basa sui seguenti passaggi:

a) la persona con disabilità pone in contatto con un reader (reader RFID con connettività Bluetooth o smartphone con sensore NF C) le carte PECS «taggate» con dei sensori RFID ;

b) il segnale viene rilevato e inviato allo smartphone del caregiver;

c) il software residente sullo smartphone riconosce il tag ed emette un messaggio visivo (riproduzione digitale dell’immagine PECS) e testuale (scritto e/o parlato) che il caregiver può capire facilmente.